Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Una joint venture tra due giovani laureati della Vanvitelli e uno dei più famosi designer indiani. La cultura del Design internazionale, la capacità di mettere insieme le linee pragmatiche ed essenziali della cultura occidentale con le sofisticate e calde atmosfere orientali, le esperienze della tradizione artigianale elaborate attraverso l’alta ricerca tecnologica hanno travato un punto di sintesi nella inedita intesa che Sebastian Cacciapuoti e Vincenzo Falcone, due giovani laureati del Dipartimento di Architettura e Disegno Industriale dell’Università della Campania, hanno da poco siglato con il famoso designer e architetto indiano Saket Sethi, già fondatore e socio prioritario dello studio Archilogics, con sede a Mumbai e Barcellona.

Sarà lui il protagonista della conferenza curata da Elena Manzo, che si terrà mercoledì 21 novembre 2018, alle ore 10.30, presso l’Aula Magna del Dipartimento di Architettura e Disegno Industriale, nell’abazia di San Lorenzo ad Septimum in Aversa.

Saket Sethi, per la prima volta in Europa, mostrerà i suoi progetti e ci racconterà di se, della sua formazione, dei temi della sua ricerca, della sua straordinaria abilità nella progettazione 3D, di quando ha lasciato l’India per andare a studiare, prima, alla Woodbury Universiy di Los Angeles, dove si è laureato; poi, alla UC Berkeley, per specializzarsi in Digital Design e, quindi, alla New York University, per il diploma in Interior Design.

E’ da qui che è iniziato il suo percorso di investigazione nel “progetto della modernità” e di come trasferire le sue esperienze occidentali nelle vibrazioni energetiche, nella spiritualità etica e nella ricercata manualità artigianale, che hanno da sempre contraddistinto il Design del suo Paese. Su queste premesse, infatti, sono scaturiti i suoi più elogiati progetti, dal Being Human Office, realizzato nel 2012 per Salman Khan a Bandra (Mumbai, India) ai tavoli da caffe Crochet, disegnato nel 2016 e Petaloid, del 2017 o alla trasformazione del suo stesso studio di Mumbai. Ma Sethi si è confrontato anche con la complessità dello spazio architettonico dei più diversificati edifici, come quando ha vinto nel 2006 la gara a inviti per la “Aditya Birla Science and Tecnology Center” da costruire su 45.000 metri quadri a Navi Mumbai o ha terminato il complesso progetto della villa Rangeshwar estesa su un’area di 2.500 metri quadri a Palghar, Maharashtra (India), con il primo tetto green realizzato in India e caratterizzata, al suo esterno, da un inedito tempio induista a forma di uovo, completamente ricoperto da tessere di Bisazza, dentro cui si respira un’atmosfera calda e avvolgente e dall’acustica perfetta. Il suo lavoro ottiene il riconoscimento internazionale e gran parte dei suoi lavori trovano spazio in alcune delle più rinomate riviste internazionali del settore, come Elle Decor, Interior e Domus Italia, che a ottobre gli ha dedicato l’entusiastico articolo Saket Sethi, the architect of energy.

Anche Sebastian Cacciapuoti e Vincenzo Falcone, entrambi di San Marcellino un comune della provincia casertana, hanno avuto un percorso di formazione articolato e internazionale: laureatisi, il primo, nel 2013 in Architettura Magistrale con una tesi seguita da Corrado Di Domenico sul progetto di un museo di arte contemporanea per Buonos Aires e, il secondo, nel 2016, in Architettura degli Interni e per l’Autonomia con una tesi in Luxury Retail Design del brand Loro Piana, seguita da Elena Manzo, si sono arricchiti di esperienze a Barcellona, Amsterdam, Madrid e Milano.
Venuti in contatto di Saket durante un soggiorno spagnolo, su questa comune base, sui loro entusiasmi e sui condivisi programmi per il futuro, recentemente, hanno dato vita a una nuova società progettuale Archilogics Smartlab Studio, con sede a Barcellona, Mumbai, Milano e Aversa. Ora vogliono condividere questa proficua e esemplare esperienza con il loro territorio di origine, tant’è che già si stanno pianificando e siglando accordi di collaborazione scientifica e professionale con l’Università della Campania “Luigi Vanvitelli”.

 

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Con “Italia: la bellezza della conoscenza” l'Università Vanvitelli parte da Caserta e fa il giro del mondo! I prototipi dei progetti Hybrid Design del Dipartimento di Architettura, sono stati selezionati per essere esposti nella manifestazione internazionale volta a presentare la ricerca scientifica italiana e i suoi attori attraverso testimonianze evocative che rappresentano il contributo dato dal nostro Paese alla grande avventura del sapere e dello sviluppo tecnologico. L'installazione, promossa e finanziata dal Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale, è guidata dal Consiglio Nazionale delle Ricerche insieme al contributo dei quattro principali musei scientifici italiani: Fondazione Idis-Città della Scienza ∙ Napoli, Museo Galileo ∙ Firenze, Museo delle Scienze - Muse ∙ Trento, Museo Nazionale Scienza e Tecnologia Leonardo da Vinci ∙ Milano ed è nata come mostra itinerante finalizzata alla promozione del sistema italiano di ricerca e innovazione in varie sedi internazionali.

La mostra Italia: la bellezza della conoscenza è articolata in una struttura parametrica di circa 400 metri quadrati che consente una fruizione coinvolgente capace di comunicare dinamicità e leggerezza. Uno spazio espositivo che, mediante una narrazione basata su esempi emblematici della stretta relazione tra la ricerca italiana e la qualità della vita in Italia, propone una composizione di moduli tematici sulle tendenze più attuali che combinano ricerca e cultura e raccontano un’Italia dinamica e che guarda al domani. Sia dal punto di vista espositivo che dal punto di vista concettuale, si tratta di una struttura ‘aperta’ basata su moduli generativi, configuranti ‘un organismo’ che, nato da una forma elementare, è in grado di evolversi dinamicamente.

La mostra rimarrà installata alla Farnesina dal 16 al 20 aprile, giornata quest’ultima già dedicata a visite del pubblico esterno, nell’ambito del Calendario “Farnesina Porte Aperte”. Subito dopo, la mostra partirà per un tour mondiale.

Hybrid design Lab è un laboratorio di ricerca, progetto e didattica dell’Università degli studi della Campania Luigi Vanvitelli (SUN), fondato nel 2006, dedicato al design bio-ispirato ed al rapporto tra design e scienza. Uno dei principali obiettivi del laboratorio consiste nel trasferire la ricerca teorica e sperimentale maturata nei settori delle scienze bio, dei nuovi materiali e delle nuove tecnologie,alla dimensione progettuale del design di prodotti e servizi innovativi e sostenibili.

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Dall’Università Vanvitelli alla Royal Academy di Anversa, selezionato da Vogue come talento emergente. Lui è Gennaro Velotti, laureato nel 2014 in Design per la Moda con una tesi sperimentale, “Sacra Dissolution”, realizzando tessuti e una collezione di outfits. Poi l’ingresso alla Royal Academy of Fine Arts di Anversa, Belgio. Nel 2017 il diploma alla Scuola di Anversa e un anno dopo la rivista Vogue lo individua come talent emergente.
“Prendere parte a Vogue Talents è stata una sorpresa ed una rivalsa personale – ha detto Genni Velotti - Tornare in Italia ed avere la possibilità di presentare attraverso la mia collezione quello che oggi sono diventato è stata un'esperienza unica e toccante, soprattutto vedere che in qualche modo anche in Italia c'è ancora voglia di dare spazio nuovi designer emergenti”.

Un percorso iniziato all’Università Vanvitelli, con la triennale in Design per la Moda ad Aversa.
“Credo che la Laurea conseguita presso l'Universitá della Campania – racconta - mi ha aiutato ad avere una struttura ed una formazione sistematica, rendendomi abile nel muovermi in diversi fields nel settore moda. La Royal Academy viceversa mi ha aperto un mondo completamente diverso, senza molti schemi che purtroppo può essere pericoloso se non si ha un metodo o una formazione di base precedente. La Royal Academy di Anversa è un'accademia estremamente pragmatica, gli insegnanti hanno un metodo unico che ti spinge a ricercare ed sperimentare molti campi intono alla moda. Sin dall'inizio si é spinti a cercare nuove tecniche e sperimentare diversi media. L'elemento centrale è che si tratta di un metodo orientato a far emergere il carattere del singolo creativo. Per questo motivo é una scuola molto selettiva, si é immersi in un ambiente estremamente stimolante, caratterizzato da una sana competizione. Il metodo universitario al contrario apre a settori disciplinari diversi, l'università mi ha consentito di acquisire conoscenze che nel lungo periodo sono risultante indispensabili per la realizzazione dei miei progetti”.
La permanenza ad Anversa ha significato entrare in contatto con un ambiente internazionale e fare gli incontri giusti.
“L'Accademia è frequentata da studenti provenienti da tutto il mondo- conclude - che hanno voglia di esprimere se stessi attraverso le loro creazioni e far valere le proprie idee, quindi se si è openminded si può imparare da ogni singolo studente”.

Intanto Sara Maino ideatrice e promotrice del format Vogue Talents in scena quest'anno presso la prestigiosa sede di Palazzo Cusani, lo ha scelto tra tanti. E di certo questo non è che l’inizio.

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Una capusle collection sperimentale creata dagli studenti dell'Università Vanvitelli con lo storico marchio "Amina Rubinacci". Il Corso di Laurea Magistrale in Design per l’Innovazione, curriculum Eco-Fashion del Dipartimento DIcDEA della Scuola Politecnica e delle Scienze di Base dell’Università Luigi Vanvitelli, ha dato vita a una sperimentazione didattica nata dalla sinergia con Amina Rubinacci, azienda di eccellenza del Made in Italy e leader nel settore della maglieria femminile. La creazione di una capsule collection sperimentale denominata Amina Rubinacci “plus” SOLID EVANESCENT, progettata dagli studenti del Corso di Laurea Magistrale e realizzati dalla storica azienda. Una sperimentazione che parte dalla collaborazione tra mondo accademico e quello produttivo e che unisce il tema delle trasparenze e della fluidità a quello dei pregiati materiali usati nella maglieria di Amina Rubinacci.

Il progetto si è dimostrato un’importante palestra didattica, che ha tradotto il piano teorico formativo in un lavoro concreto, avendo come fine ultimo l’effettiva prototipazione degli outfit disegnati in sinergia con la storica azienda.
La conclusione del lavoro di sperimentazione, si concluderà con la presentazione dei capi realizzati ed esposti il 14 settembre 2017 a Milano in occasione della VOGUE FASHION NIGHT OUT, all’interno della boutique Amina Rubinacci di Milano_ Via Solferino 11, con un cocktail alle ore 6 p.m. La capsule presentata a Milano sarà poi inserita nel laboratorio FA.RE. del dip DICDEA dell’Università degli Studi della Campania nella sezione talents.

Docenti
Corso di Scenari avanzati per la Moda_Prof. Patrizia Ranzo
Corso di Fashion Eco design 1_ Prof. Roberto Liberti
Corso di Storia della Moda_ Prof. Ornella Cirillo
FA.RE. Lab
Prof. Giulia Scalera, prof. Luigi La Rocca

Studenti
Francesco D'Arbitrio, Giuseppina Carozza, Ilaria GIanpetraglia, Lucia Uccello, Luigi Chierchia, Pasquale Lauriola, Sefora Maria Di Palo, Gloria Savino Federica, MariaRita Albano, Anna Gargiulo, Federica Della Rotonda, Anna Abategiovanni, Monica Pacifico

 

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Con la sua giacca da uomo stile “dandy metropolitano” ha battuto la concorrenza, composta da studenti provenienti dalle più prestigiose scuole università ed accademie di moda di tutta Italia.
E’ Emanuela Mammalella, classe 1991, studentessa in Design per l'innovazione al Dipartimento di Architettura e Disegno Industriale dell’Università Vanvitelli, la vincitrice del Fashion Show di Milano Moda Graduate, manifestazione che premia i migliori prodotti realizzati da talenti della scuole e università di moda Italiane. Il suo capo, una giacca maschile, rivisitata in chiave “dandy metropolitano”, è il risultato finale del corso di Men's tailoring presiduto dal professore Roberto Liberti, nell'ambito del percorso fashion - eco design, in collaborazione con Kiton.

“Cerchiamo di offrire sempre il numero maggiore di opportunità ai nostri studenti, sia attraverso collaborazioni con aziende sul territorio locali e nazionali, che attraverso i nostri percorsi di studi professionalizzanti. in grado di assicurare un rapido inserimento nel mondo del lavoro grazie alla loro immediata spendibilità – spiega Roberto Liberti. – I nostri corsi si pongono in risposta al mercato, cercano di interpretarne prodotti, materiali e immateriali ed il made in Italy, che richiede ogni giorno di più professionisti capaci di gestire sistemi produttivi knowledge based”

Un importante riconoscimento, dunque, per la Vanvitelli, da parte dell’ente che promuove il Made in Italy, della camera nazionale della moda italiana, per una cooperazione sperimentale tra una azienda leader della sartoria maschile a livello internazionale e il mondo accademico. 

"La giacca che ho proposto prende ispirazione dalla tecnica pittorica del cloisonnisme, rappresentata sul capospalla attraverso dei sottili tagli verticali ed orizzontali, studiati direttamente sul cartamodello; la fantasia proposta è minimal e geometrica, ma attentamente studiata per ottenere un capo unico. Il capo è rivolto ad un "dandy metropolitano" di età compresa tra i 25 e i 45 anni, che sappia apprezzare l'eleganza e la sofisticatezza della lavorazione e l'intero progetto è stato studiato nel rispetto della tradizione sartoriale che da anni contraddistingue nel mondo il marchio Kiton - spiega la vincitrice -. Il mio percorso universitario mi ha fornito strumenti di progettazione fondamentali per la mia crescita nel settore moda, consentendomi di relazionarmi con aziende importanti in tutto il mondo, apprezzandone l'unicità. Spero che questo prestigioso riconoscimento apra nuove opportunità di crescita professionale nel settore del fashion design. Ringrazio di cuore il professor Liberti per la sua dedizione e la Kiton per aver aperto le porte dell'azienda al mio progetto" - conclude.

A premiare Emanuela, una giuria di expertise di moda mondiale, e non solo. Renzo Rosso, Anna Zegna, Tomaso Trussardi, Angela Missoni, Alessandra Carra sono solo alcuni dei giudici di gara, a cui si affriancheranno giornalisti delle più prestigiose riviste nazionali e internazionali, come il Financial Times, La Repubblica, Port Magazine, Nowfashion e numerosi buyer, tra i cui nomi c'è Harvey Nicols.

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Vogue Talents premia una studentessa dell’Università Vanvitelli. Marika Russo, iscritta al corso di Laurea Magistrale in Design per l'Innovazione, è risultata vincitrice del prestigioso premio IQOS - MASTER STYLE indetto da VOGUE TALENTS. 

IQOS Master Style è un progetto nato dalla collaborazione tra IQOS e Vogue Talents per sostenere e premiare i talenti più creativi nell’ambito del fashion design italiano.
Obiettivo del progetto era coinvolgere appunto i designer e gli studenti nella creazione di una special edition di accessori IQOS, il sistema rivoluzionario sviluppato da Philip Morris International che scalda e non brucia il tabacco . In particolare, trovare un’idea di grafica che potesse vestire la cover del prodotto, e due proposte di chic-bag (una per lui e una per lei) che potessero contenere il dispositivo insieme a una confezione di ricariche.
Marika Russo, seguita da docenti Patrizia Ranzo e Roberto Liberti, ha vinto con le sue cover,”Termoody”, frutto di una ricerca su disegni, colori e tecniche di colorazione come quelle della vernice termosensibile. Grazie alla combinazione di forme e colori del suo progetto, IQOS potrà essere personalizzato con infinite combinazioni di elementi a seconda delle caratteristiche nelle quali l’utente si rispecchia, partendo dal sesso fino ad arrivare ai valori caratteriali. Inoltre, quando il dispositivo sarà in carica nell’apposita power bank e ci sarà, quindi, un aumento di temperatura, grazie al meccanismo della vernice termosensibile, potrà avere una veste dinamica, che cambia colore o mostra degli elementi a seconda della temperatura che assume.
Il prossimo appuntamento con il talento sarà a ottobre con un evento finale e l’unveiling dei progetti vincitori selezionati da una giuria composta dal Direttore di Vogue Italia, Emanuele Farneti, da Sara Sozzani Maino, dal direttore creativo di MSGM, Massimo Giorgetti, dalla fotografa Clara Giaminardi, dal Vice Direttore di Vogue Italia e de L’Uomo Vogue, Alan Prada, e da Natasa Milosevic di Philip Morris Italia. Per l’occasione saranno svelati i pattern per IQOS e presentati al pubblico gli accessori fashion, disponibili nelle IQOS Embassy di Milano, Roma, Torino, Bologna e nelle IQOS Boutique di tutta Italia.

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Hanno reinventato con creatività il capo maschile per eccellenza, la giacca da uomo, e per questo voleranno nella capitale della moda in occasione della Milano Moda Graduate. Si chiamano Emanuela e Davide, sono ex studenti in Design per l'innovazione dell'Università Vanvitelli e sono stati selezionati, unici nel centro-sud Italia, per partecipare al Fashion Show di Milano Moda Graduate, che premia i migliori prodotti realizzati da talenti della scuole e università di moda Italiane.

Emanuela Mammalella è  laureata alla Magistrale di Design per l'innovazione - curriculum Fashion eco design - presso il Dipartimento di Architettura e Disegno industriale dell'Università Vanvitelli.
Davide Salvati (già vincitore di Vogue Talents 2014 e selezionato da Fare Talents, lab di ricerca sulla moda della Vanvitelli) è l’altro talent selezionato. Le due giacche sono sono il risultato finale del corso di Men's tailoring presiduto dal professore Roberto Liberti, nell'ambito della magistrale in Design per l'innovazione, in collaborazione con Kiton, corso di studi attivo presso il Dipartimento di Architettura e Disegno industriale dell'Università Vanvitelli.

E così, il 15 giugno, i loro lavori saranno esposti di fronte ad una expertise di moda mondiale, e non solo. Renzo Rosso, Anna Zegna, Tomaso Trussardi, Angela Missoni, Alessandra Carra sono solo alcuni dei giudici di gara, a cui si affriancheranno giornalisti delle più prestigiose riviste nazionali e internazionali, come il Financial Times, La Repubblica, Port Magazine, Nowfashion e numerosi buyer, tra i cui nomi c'è Harvey Nicols. 
 
Il Fashion Show di Milano Moda Graduate si terrà il 15 giugno alle ore 16:00 in via Savona 56.

 

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Sfilano a Napoli i lavori di moda degli studenti corso di laurea Magistrale in Design per l'Innovazione. L’appuntamento è per l’8 settembre in piazza del Plebiscito con le capsule collection sperimentali realizzate dagli studenti in collaborazione con le aziende campane del lusso Kiton donna e uomo, Mario Valentino, Setificio Leuciano, Cesare Attolini e Deja vu.
MODARTE è un evento patrocinato dal Comune di Napoli che ha come obiettivo principale la promozione e la valorizzazione del patrimonio storico, culturale e artistico della città.
Attraverso la raccolta di fondi, Modarte offre il proprio contributo al progetto "SEMBRANO PIETRE MA SONO RADICI" dell' Ass.ne Sedili di Napoli, per il restauro e la valorizzazione delle pietre di spoglio:  capitelli, colonne, iscrizioni in lingua greca scolpite nella pietra calcarea e fregi che durante i secoli successivi alla caduta dell’Impero Romano ma anche in epoca vicereale, furono recuperati da templi, edifici pubblici ed anche case patrizie, per essere riutilizzati come materiale edilizio per la costruzione delle nuove case. Percorrendo non solo i Decumani ma anche i vicoli che vi si affacciano, è facile imbattersi in questi “resti” che, non considerati come “reperti archeologici”, sono esposti all’incuria ed all’abbandono.

La serata avrà luogo l’8 settembre in piazza Plebiscito alle ore 20.00, sarà presentata da Veronica Maya e vedrà sfilare stilisti internazionali.

MODARTE è un evento patrocinato dal Comune di Napoli che ha come obiettivo principale la promozione e la valorizzazione del patrimonio storico, culturale e artistico della città.
Tra i media partner dell'evento, sono presenti Il Mattino e 3D Magazine.

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Soia, canapa, lino, ortica: la nuova frontiera della moda all'Università Vanvitelli è nature e veste gli uomini, con bio tailoring for Kiton. Pronte, infatti, in occasione della Men’s Fashion Week, quattro giacche "bio", prodotte con materiali naturali sperimentali, dalle proprietà e prestazioni uniche, che sono state presentate presso Kiton Milano in via Pontaccio 21.

“In occasione della Men’s Fashion Week milanese - spiega Roberto Liberti, docente del Corso di Laurea Magistrale in DESIGN X INNOVAZIONE - il corso di men’s tailoring della laurea magistrale in design per l’innovazione della Vanvitelli propone quattro giacche "bio", con materiali naturali sperimentali, ortica, bambù, soia e canapa per fornire alla giacca  diverse proprietà prestazionali tra cui quelle termoregolanti ed anallergeniche. Il progetto sperimentale è nato dalla cooperazione stretta con l’azienda di eccellenza nella sartoria maschile KITON, ed è unico nel suo genere perché permette a studenti/designer di cooperare direttamente con una azienda esclusiva del Made in Italy, elaborando un progetto nato da un brief coordinato direttamente con l’AD del gruppo Antonio De Matteis, che crede nella sperimentazione e nella cooperazione con la realtà universitaria “.

Ecco il dettaglio delle creazioni.

ETICO – in bamboo dalle proprietà termoregolanti e antibatteriche 
CHROMA – in soia, canapa e ortica, particolare per le sue proprietà termoregolanti e antibatteriche 
FLUIDE INTERACTION  – in lino e trattato con una stampa al grafene che genera un confort funzionale, merito delle sue proprietà antistatiche
CHANGE WEATHER TAILORING – in canapa, resistente ai raggi UV e dalle caratteristiche ipoallergeniche.
I modelli sono innovativi nel taglio e nel fitting e sono stati realizzati in collaborazione con i maestri sarti di Kiton, azienda di eccellenza del Made in Italy e leader nel settore sartoriale maschile.
La palette colore è naturale sulle tinte del bianco, della sabbia e del cielo.
-----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Bio tailoring for Kiton, un'iniziativa di:
Kiton
Università degli Studi della Campania, Luigi Vanvitelli
Dipartimento DADI, Architettura e Disegno Industriale
Corso di Laurea Magistrale DESIGN X INNOVAZIONE_ Curriculum Eco Fashion
Corso di Men’s Tailoring: prof. Roberto Liberti
FA.RE. Fashion Research Lab
Gli studenti di Design per l'Innovazione
Luigi Chierchia, Francesco D’Arbitrio, Federica Della Rotonda, Sefora Maria Di Palo, Monica Pacifico, Mariarita Albano, Anna Gargiulo, Pasquale Lauriola, Lucia Uccello, Giuseppina Carozza, Anna Abategiovanni, Gloria Savino, Ilaria Gianpetraglia

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Disegnando la LIPU sulle scatoline della liquizia AMARELLI. Sulla base del Protocollo d’Intesa firmato tra la Amarelli Fabbrica di Liquirizia s.a.s., la Delegazione Provinciale di Napoli della LIPU, Lega Italiana Protezione Uccelli, il Dipartimento di Architettura e Disegno Industriale della Università degli Studi della Campania ‘Luigi Vanvitelli’, è stato indetto un concorso di graphic design fra gli allievi del Dipartimento, iscritti nell’a.a. 2016-17 al secondo anno del corso di laurea triennale in ‘Design e Comunicazione’ dal titolo: UniCAMPANIA_DADI. Il concorso ha previsto la realizzazione di un disegno grafico (con un motto di accompagnamento) che rappresentasse l’identità e la mission della LIPU, da stamparsi sulle scatoline contenenti la liquirizia prodotta dalla Fabbrica Amarelli. Le scatoline costituiranno una serie limitata della rete di distribuzione dell’azienda calabra.
In particolare, oggetto della campagna di sensibilizzazione etica è stata la salvaguardia nell’area napoletana del cardellino, specie protetta ai sensi della legge 157/92 sulla fauna selvatica.
Il responsabile scientifico delle attività didattico-formative e di ricerca relative al Protocollo d’Intesa è Ornella Zerlenga, docente del Laboratorio di Graphic creations. L’attività di redazione grafica si è svolta all’interno delle ore didattiche dedicate al suddetto laboratorio con interventi specialistici in aula sulla tutela dell’ambiente e del cardellino a cura del Delegato provinciale LIPU nonché con il continuo supporto tecnico da parte dell’azienda Amarelli. La proposta grafica è stata redatta in scala reale secondo il figurino della scatolina da 20 grammi fornito dalla Amarelli, interessando il coperchio della stessa. I loghi istituzionali sono stati collocati sul retro della scatola per testimoniare la sinergia sul territorio fra Università, Azienda e Associazione.
La Giuria, costituita da Pina Amarelli, Fabio Procaccini della Lipu e Luigi Maffei, direttore del Dipartimento di Architettura, ha valutato le molteplici proposte progettuali presentate dagli studenti e, dopo attenta disamina delle motivazioni progettuali, dei bozzetti e della successiva stampa sulle scatoline da parte dell’azienda Amarelli dei primi tre bozzetti selezionati, all’unanimità ha stabilito di assegnare il premio per la migliore realizzazione del disegno grafico per la salvaguardia del cardellino alle allieve Jusy Maggiobello e Giuseppina Rao. Inoltre, vista la notevole partecipazione al concorso da parte degli studenti e la qualità degli elaborati prodotti (sia concettuale che grafica), la giuria ha unanimemente ritenuto di assegnare anche due menzioni speciali.
La cerimonia di premiazione degli studenti con la presentazione delle scatoline si terrà a Napoli il 27 giugno 2017 alle ore 10:30 presso lo showroom dell'azienda Amarelli (Piazza Vittoria, 6). Successivamente, l'evento proseguirà nella Villa Comunale di Napoli con la liberazione dei cardellini e di altre specie volatili protette, sottratti al bracconaggio e sequestrati dai Carabineri del Nucleo Operativo Ecologico di Napoli.

programma

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Due concorsi per realizzare il progetto grafico e di fattibilità de "La Fiaccola dell'Universiade Napoli 2019" e delle Medaglie per la XXX edizione dell'Universiade Napoli. 

Il progetto di realizzazione della Fiaccola per la 30esima edizione dell'Universiade estiva 2019, nasce dall'esigenza di definire con un oggetto simbolo, il significato complessivo che l'Universiade Campana intende trasferire in termini di filosofia d'azione, valori etico-sociali e messaggi sportivo-culturali alla comunità nazionale e internazionale. La fiaccola, portata da tedofori scelti per l'occasione, sarà protagonista di un tour che toccherà le principali Città Universitarie italiane nell'anno accademico 2018/2019.

Per partecipare al concorso (entro l'11 giugno del 2018) guarda il BANDO.

 

Il concorso per il disegno della faccia anteriore (recto) e posteriore (verso) de "Le Medaglie deii'Universiade Napoli 2019" 2019, nasce dall'esigenza di dover realizzare le "Medaglie ufficiali" che saranno consegnate ai primi tre classificati in ogni singola disciplina dell'Evento che si svolgerà dal 3 al 14 luglio 2019 e che vedrà scendere in campo, per la prima volta in Campania, circa 10.000 atleti provenienti da 170 Paesi in 18 Sport differenti.

Il disegno e la grafica che verrà incisa sulla Medaglia, nascerà dalla libera e fantasiosa interpretazione degli studenti universitari partecipanti.
Le medaglie dovranno riflettere l'identità, i valori e la cultura dell'Universiade e al tempo stesso della Regione Campania.

Per partecipare al concorso (entro l'11 giugno del 2018) guarda il BANDO.

 

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

A Napoli Moda Design le creazioni degli studenti del Corso di Studio in Design per la Moda dell'Università Luigi Vanvitelli. E’ ‘LuxuryIdeas’ il tema della II Edizione di Napoli Moda Design, una serie di eventi riservati alle eccellenze della sartoria e del design italiano, ideato e diretto dall’architetto Maurizio Martiniello. Dal 3 al 14 maggio 2017 ‘Chiaia District’ si è trasformato in un animato circuito di eventi, mostre, installazioni e happening che ha coinvolto le più importanti aziende del settore e brand internazionali, artisti e trendsetter.

Presenti all'evento inaugurale anche gli studenti dell'Università "Luigi Vanvitelli" che hanno mostrato al pubblico presente la capsule collection Cutting edge, collezione di abiti progettati ed ideati dagli allievi del II anno del Corso di Studio in Design per la Moda. Ogni abito della collezione è stata ispirato da uno stato emozionale: la Leggerezza di Raffaele La Marca, la Nostalgia di Marta Morra, la Mancanza di Mariarosaria Serra, l'Illusone di Angelantonio Russo, l'Euforia di Fabrizio Santo, la Trasformabilità di Luigi Chierchia. Ispirati a geometrie e volumi elementari gli abiti utilizzano il taglio, la trasparenza, la piega come categorie operative di un progetto che coniuga l’idea del prêt à porter e la aute couture utilizzando materiali naturali e fortemente legati al territorio campano come la canapa e la rafia o ‘evocativi’e raffinati come l’organza. Gli effetti cromatici si modulano in leggere sfumature nei colori neutri del bianco e del beige.
"E' stata un'esperienza molto formativa per noi studenti perchè abbiamo avuto l'opportunità di confrontarci con stilisti, designer e professionisti del settore presenti alla manifestazione. - ci racconta Fabrizio Santo - E' eccitante veder realizzare materialmente i disegni che facciamo e che studiamo, poterli vedere e toccare con mano, poi è stato soddisfacente vedere che tra tutte quelle istallazioni artistiche molte persone si fermavano con occhi curiosi ad osservare le nostre creazioni".
“L’invito di Maurizio Martiniello ci è parso subito come una occasione da non sprecare per dare visibilità al lavoro attento che compiamo all’interno del mondo della formazione dedicata al Fashion system – ci dice Alessandra Cirafici, presidente del corso di studi in design per la moda- . Un contesto prestigioso dove le creazioni dei nostri allievi hanno saputo conquistare gli sguardi di esperti del settore e appassionati della cultura del Design. E’ per noi il modo migliore per mostrare la qualità della nostra formazione che, nella sua intera filiera, unica in Campania e in tutto il sud Italia, coniuga la qualità di una formazione universitaria incentrata sulla cultura del progetto con la capacità di interpretare le tendenze del contemporaneo valorizzando la straordinaria tradizione locale nell’ambito sartoriale”.
Le attività, nate all’interno di un workshop a cui hanno partecipato il designer e critico Marco Petroni, la stilista Francesca Meglio sono state coordinate dalle professoresse Alessandra Cirafici, presidente del Corso di Studio, Caterina Fiorentino responsabile del laboratorio di design per la moda III. La consulenza modellistica e la realizzazione dei prototipi è stata affidata alle mani esperte di Imma Saggese.

Pagina 1 di 3

CHI SIAMO  |   PRIVACY  |  UNICAMPANIA.IT